Attittu
( Dettori - Carta )

Lenta et soliana est da die, che rosa isse no movet aisetta bezzesa lestra che ru est s'ispina 'e s'isposa et mala a 'n de ruere in luttu 'e duschesa Sulat maju galu su piantu ramine malu in raighinas et fotzas in boghe 'e ighonza paret su lamentu cá fortzis est sa morte chi attittat a s'isposa E N'DE LEAT A DONZI 'OLU SOS OJOS A S'ABILA E N'DE LEAT A DONZI 'OLU SU CORO A S'ABILA Drommint in domo sas boghes 'e sa missa surdhas che sulu solas che tzegu mudu est s'ammentu et s'usthu 'e unu viudu et furriat a su piantu a dolu de issa E N'DE LEAT A DONZI 'OLU SU CORO A S'ABILA E N'DE LEAT A DONZI 'OLU S'ORIOLU A S'ABILA Da chi m'ischido dami unu 'asu amore, in ojos unu 'asu dusche dami unu 'asu in ojos amore da chi t'ischidas damilu dusche E N'DE LEAT A DONZI 'OLU SU CORO A S'ABILA E N'DE LEAT A DONZI 'OLU S'ORIOLU A S'ABILA E N'DE LEAT A DONZI 'OLU SOS OJOS A S'ABILA E N'DE LEAT A DONZI 'OLU SU CORO A S'ABILA

Pianto
( Dettori - Carta )

Lento e solegglato è il giorno, come una rosa lui resta li aspetta la vecchiaia veloce come il rovo è la spina della sposa e fatica a cadere se è in lutto di dolcezza Maggio continua a soffiare il pianto erba gramigna dalle radici alle foglie una voce piena di vergogna sembra avere il lamento perché forse é la morte che piange la sposa E LEI PRENDE E LEVA E RUBA AD OGNI VOLO GLI OCCHI ALL'AQUILA E PRENDE E LEVA E RUBA AD OGNI VOLO IL CUORE ALL’AQUILA Dormono in casa le voci della messa sorde come un soffio e sole come un cieco è silenzioso il lamento e il pranzo di un vedovo e torna al pianto e lei se ne dispiace E PRENDE E LEVA E RUBA AD OGNI VOLO IL CUORE ALL'AQUILA E PRENDE E LEVA E RUBA AD OGNI VOLO LA PREOCCUPAZIONE ALL'AQUILA Quando mi sveglio dammi un bacio amore, sugli occhi un bacio dolce dammi un bacio sugli occhi, amore quando ti svegli dammelo dolce E PRENDE E LEVA E RUBA AD OGNI VOLO IL CUORE ALL'AQUILA E PRENDE E LEVA E RUBA AD OGNI VOLO LA PREOCCUPAZIONE ALL'AQUILA E LEI PRENDE E LEVA E RUBA AD OGNI VOLO GLI OCCHI ALL'AQUILA E PRENDE E LEVA E RUBA AD OGNI VOLO IL CUORE ALL’AQUILA